PROTOCOLLO DELLE MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEGLI ALLENAMENTI

PROTOCOLLO DELLE MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEGLI ALLENAMENTI

Downloads:

PWKA-Protocollo-COVID-19.pdf

PROTOCOLLO DELLE MODALITÀ DI  SVOLGIMENTO DEGLI ALLENAMENTI NELLE ARTI MARZIALI CINESI IN EMERGENZA COVID – 19

 

PREMESSA 

Il presente documento si propone lo scopo di fornire indicazioni tecniche e operative utili a supportare l’adozione delle misure di contrasto e contenimento della diffusione del virus SARS- Cov2 al fine di tutelare la salute delle persone presenti all’interno delle strutture delle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche , in cui coesistono le attività svolte a vario titolo dai collaboratori a quelle sportive dei tesserati che accedono dall’esterno. 

Tali indicazioni seguono la logica del principio di precauzione e ripercorrono i punti salienti del Protocollo condiviso di regolamentazione, delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-Cov2, parte integrante del DPCM del 26 aprile 2020, del DPCM del 17 maggio 2020, e dei seguenti documenti normativi emanati dal governo: 

Linee guida sulle modalità di svolgimento degli allenamenti per gli sport individuali; Linee guida sulle modalità di svolgimento degli allenamenti per gli sport di squadra; Linee guida sport di base e attività motoria. 

Le indicazioni, di carattere generale, andranno applicate nei contesti specifici in funzione delle caratteristiche dei luoghi e degli spazi, delle modalità organizzative e delle specifiche attività sportive. Il settore delle discipline del Wushu Kung Fu è classificato nel Rapporto “LO SPORT RIPARTE IN SICUREZZA” tramite l’analisi del rischio per disciplina, con un valore medio/alto. 

Tale livello di rischio deriva sia dal fatto che il wushu kung fu presenta molte discipline svolte con differenti gradi di prossimità tra i partecipanti, per cui il distanziamento non può essere definito staticamente in quanto l’attività sportiva è principalmente dinamica all’interno dell’area di gara, oltre all’uso di strumenti ed attrezzi costituenti fonti di contagio e nonostante le aree di allenamento siano mediamente molto estese in termini dimensionali per garantire adeguato spazio interpersonale. 

Pertanto, partendo dalla classificazione di rischio estratta dal Rapporto denominato “Lo sport riparte in sicurezza”, redatto con la collaborazione del Politecnico di Torino, sentiti la Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI), le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva per la rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-CoV-2 nei luoghi della pratica sportiva e delle strategie di prevenzione quale supporto alle decisioni del Governo per l’organizzazione e la gestione della fase 2 di riavvio dell’ attività sportiva e motoria, si elabora il seguente